sabato, luglio 08, 2006

I CRITICANTI




















Opera di Emilio Facchini


I CRITICANTI

Trainano carrozze dorate
di chi vanamente ancor prevale
curvi affannati ciechi al fuoco
di papaveri sbocciati tra i binari.
Ogni anelito d’anima rifiutano
di consueta paglia bramosi
e in dolce esortar tramutano
d’uso padrone la saetta frusta
ragliando orrendamente
se lui onorar non vuoi.
Gli occhi al suol rivolti
del cielo i bagliori ignorano
ma dal calor turbati
da infette gole tuonano
a chi diverso splende
remoto
a maestri fotocopiati.
Corvi affamati in stormo
tra venti di giudizi riciclati
di feci putride lordano
dell’arte l’auree fronde
per celar solerti ciò che vale
e miseri si rivelano
moralisti senza morale.



1 commento:

Anonimo ha detto...

complimenti per il blog!
venite a trovarmi anche sul mio!

http://www.alpuledroimpennato.splinder.com/


salutii